NON CONFONDIAMO LE BIRRE. LA BUDWEISER BUDVAR PRODOTTA A ČESKÉ BUDĚJOVICE È UNA BIRRA ICONICA DALLA STORIA ESCLUSIVA

Tempo di lettura: 4 minuti

#birra #tradizione #proposte

Quando sentite il nome Budweiser, cosa vi viene in mente? Se vi viene in mente l’onnipresente birra americana, è ora di ripensarci.

UNA SOLA ORIGINE: ČESKÉ BUDĚJOVICE, REPUBBLICA CECA

La Budweiser Budvar lager originale viene prodotta, con gli stessi quattro ingredienti di sempre, nella Repubblica Ceca dal 1895. Ci troviamo a České Budějovice, o Budweis in tedesco. La storia della birra qui risale a oltre 700 anni fa, quando il re Ottocaro II concesse per la prima volta il diritto di produrre birra alla cittadina della Boemia meridionale. E ancora oggi, in qualsiasi parte del mondo la si beva, ogni singola goccia dell’iconica birra ceca Budvar viene prodotta a Budweis. Per Budvar, la produzione di birra non è solo un’attività commerciale. È una questione di orgoglio nazionale. Josef Tolar, per 25 anni mastro birraio della Budvar, spiega: «Per i cechi la Budweiser Budvar è un bene di famiglia. Non deve mai essere venduta. Questo è lo spirito del birrificio: l’indipendenza».

INGREDIENTI LOCALI

Ognuno degli ingredienti utilizzati ha una storia. Gli aromi complessi e la morbida amarezza provengono dal luppolo, rigorosamente Saaz integrale. Budvar è uno degli unici birrifici di queste dimensioni al mondo a utilizzarlo ancora. Questa varietà ‘nobile’, che arriva al birrificio sigillata con la ceralacca a garanzia della qualità, viene coltivata da 700 anni nei campi intorno a Žatec, nel nord-ovest del Paese, e conferisce alla birra le sue note zuccherine, fresche, floreali e speziate. Il malto, anima di una birra, fornisce alla Budvar il suo il corpo dorato, dolce e ricco. Il malto chiaro utilizzato viene coltivato nella regione morava di Haná, dove sette fiumi si incontrano per formare una pianura straordinariamente fertile. Anche l’eroe non celebrato della Budvar, il lievito, ha un’eredità. Il ceppo utilizzato oggi è nato con la fondazione del birrificio nel 1895. Poi c’è l’acqua, da una falda acquifera dell’era glaciale a 300 metri di profondità, dolce e cristallina risalente a 10.000 anni fa, con un pH neutro perfetto per la produzione di birra lager.

INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA

La combinazione unica di questi ingredienti ha portato l’UE nel 2004 ad assegnare alla Budweiser Budvar Original lager lo status di Indicazione Geografica Protetta. I produttori di Budvar vi diranno, inoltre, che c’è un quinto ingrediente: il tempo. La Budvar viene fatta maturare, più a lungo di qualsiasi altra birra lager al mondo, in vasti serbatoi nelle cantine a 2 gradi sotto il birrificio. Lager, dopotutto, fa riferimento a un preciso processo. Lager significa immagazzinare o conservare.

AMBASCIATORE DELLA BIRRA CECA DI QUALITÀ

La tradizione è il cuore del DNA di Budvar. Il birrificio nazionale della Repubblica Ceca, ambasciatore della birra ceca di qualità nel mondo, non è estraneo, però, all’innovazione. Sostiene i birrifici artigianali e i microbirrifici in tutto il Paese, aiutando la prossima generazione di produttori indipendenti a preservare la reputazione della birra ceca che risale a 800 anni fa. «Oltre a condividere gli ingredienti, Budvar trasmette le conoscenze, la passione e l’abilità acquisite in decenni di produzione di birra senza compromessi attraverso birre in edizione limitata create con piccoli produttori» spiega Aleš Dvořák, sommelier della birra di Budvar. Budvar è distribuita in Italia da BREWRISE S.r.l.

IL LUOGO, L’ORIGINE BUDWEIS

È il nome tedesco della cittadina di České Budějovice, nel sud della Repubblica Ceca. Qui, dal 1895, viene prodotta la Budweiser Budvar Original, in un birrificio indipendente di proprietà dello Stato. Ha ottenuto dall’UE lo status di Indicazione Geografica Protetta nel 2004.

Seguici sempre sui nostri social

Instagram – Facebook – Linkedin

Condividi il post

Articoli correlati

Sara Abdel Masih esperta di luxury management
Interviste

SARA ABDEL MASIH. LA LEADERSHIP DEL FUTURO? «EMPATICA E SENSORIALE»

Il BEAM di Bolzano, meeting che promuove lo scambio interdisciplinare nell’industria dell’ospitalità e che riunisce protagonisti del settore ritenuti innovatori, decisori e visionari, ha invitato Sara Abdel Masih come “main speaker” all’edizione 2024.

Carrello chiudi