ACQUA S. BERNARDO DIVENTA OFFICIAL PARTNER DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT INVERNALI

acqua san bernardo

LA MINIMAMENTE MINERALIZZATA SALE SUGLI SCI PER UN ACCORDO PLURIENNALE

#acqua #giochiolimpici #partnership

Tempo di lettura: 4 minuti

Famosa in tutto il mondo per le proprietà organolettiche e la sua leggerezza, grazie a questa partnership prestigiosa, S.Bernardo vedrà il proprio marchio sulle giacche a vento dei migliori protagonisti dei giochi invernali 2026. La neve, del resto, è naturalmente vicina alla minimamente mineralizzata italiana, che nasce proprio sulle Alpi Marittime.

Da sinistra, Federico Pellegrino, Lisa Vittozzi, Flavio Roda, presidente Fisi con Antonio Biella, Manuela Di Centa, Guglielmo Bosca e Flora Tabanelli

Da sinistra, Federico Pellegrino, Lisa Vittozzi, Flavio Roda, presidente Fisi con Antonio Biella, Manuela Di Centa, Guglielmo Bosca e Flora Tabanelli

L’ACQUA DA SEMPRE VICINA ALLO SPORT

S. Bernardo, da sempre vicina al mondo dello sport, dal basket al calcio, dal golf al volley e alla pallapugno, ora «con grande entusiasmo, sale sugli sci – come sottolinea il direttore generale di S. Bernardo, Antonio Biella. – A fare ciò ci spinge la voglia e l’onore di fare parte di questa grandiosa avventura, che vedrà l’Italia protagonista dell’evento mondiale dei Giochi Olimpici Invernali. Da sempre la montagna, con il suo ambiente e i suoi sport, appassiona tutti noi: si tratta di luoghi magici che sentiamo molto vicini».

VERSO L’IMPATTO ZERO

S. Bernardo, che da sempre sostiene l’ambiente e lo stile di vita sano e attivo, ha attuato un importante piano che le consentirà di raggiungere l’impatto zero entro il 2026, anno del primo centenario dell’azienda. Raggiungere questo importante impegno è significativo per la tutela della biodiversità e del territorio e per l’urgenza, sempre più viva, di compensare le emissioni di anidride carbonica attraverso pratiche sane e coscienziose e che pongano al centro il ruolo imprescindibile della natura nell’equilibrio di ogni ecosistema.

IL LEGAME CON L’ALTA MONTAGNA

«È un onore e un piacere avere S. Bernardo fra i partner federali – ha aggiunto il presidente FISI, Flavio Roda – sia per la passione e la competenza dimostrate dai vertici dell’Azienda, sia perché il messaggio pulito e sano trasmesso da S. Bernardo si sposa perfettamente con l’immagine di una Federazione e di atleti che vivono tutto l’anno in alta montagna, in ogni angolo del mondo, a contatto con un territorio ancora incontaminato e salubre». Negli oltre 100 anni di attività, gli atleti della FISI hanno saputo conquistare 115 medaglie olimpiche, e svariate centinaia di medaglie mondiali e Coppe del mondo. Tramite le proprie strutture tecniche, la federazione Italiana Sport Invernali segue la crescita e i successi di oltre 400 atleti Nazionali, a partire dalle squadre giovanili, fino ai grandi campioni della Coppa del mondo.

S. BERNARDO

S. Bernardo è la perfetta unione di qualità, tradizione ed eleganza. La sua fonte ha origine nelle Alpi Marittime, a un’altezza di 1.300 m, in un ambiente sano e incontaminato. Conosciuta sin dal 1926 per la sua leggerezza e per le eccellenti caratteristiche organolettiche, dagli anni Novanta è espressione del design italiano, grazie alla sua inconfondibile bottiglia “Gocce”, disegnata da Giorgetto Giugiaro. Ancora oggi icona di stile. Distribuita nei canali retail, Horeca e door to door, è disponibile in una gamma completa di formati in vetro, alluminio, pet e repet. Da maggio 2015 è entrata a far parte del Gruppo Montecristo. S. Bernardo: lunga tradizione tutta italiana di qualità e di stile.

Seguici sempre sui nostri social

InstagramFacebookLinkedin

Condividi il post

Articoli correlati

Sara Abdel Masih esperta di luxury management
Interviste

SARA ABDEL MASIH. LA LEADERSHIP DEL FUTURO? «EMPATICA E SENSORIALE»

Il BEAM di Bolzano, meeting che promuove lo scambio interdisciplinare nell’industria dell’ospitalità e che riunisce protagonisti del settore ritenuti innovatori, decisori e visionari, ha invitato Sara Abdel Masih come “main speaker” all’edizione 2024.

Carrello chiudi